Insieme per costruire il futuro dei Care leavers

Ogni anno in Italia, sono circa 3.000 i “care leavers”, giovani fuori famiglia che una volta compiuti i 18 anni si trovano a dovercela fare da soli, senza alcun supporto e con meno strumenti di quanti ne servono per cercare un lavoro, una casa, costruire il proprio futuro.

SOS Villaggi dei Bambini ha realizzato il progetto europeo “Prepare for leaving care” coinvolgendo numerosi altri partner e oltre 60 care leavers del “Gruppo Giovani” di SOS Villaggi dei Bambini e del “Care Leavers Network” di Agevolando.

Ai lavori ha partecipato anche Maria, educatrice nella Casa dei Giovani e nella Casa per l’Autonomia del Villaggio SOS di Saronno, che conosce molto bene cosa significa per un giovane lasciare il Villaggio per costruirsi una propria vita autonoma.

“I ragazzi che a 18 anni escono da percorsi di accoglienza sono sprovvisti di adeguati supporti e questa età non rappresenta il passaggio a una vita autonoma e indipendente, ma si configura come periodo di transizione in cui emergono le sfide del futuro (ricerca del lavoro, di un’abitazione, etc.) da affrontare spesso da soli. I giovani neomaggiorenni accolti in affido familiare o nei servizi di accoglienza vivono questa transizione privi di sostegno e sicurezze.

La formazione promossa da SOS Villaggi dei Bambini con il progetto “Prepare for leaving care” ha permesso di condividere tra operatori sociali e ragazzi le problematiche a cui i giovani neomaggiorenni in uscita dall’accoglienza risultano essere più a rischio. La Guida pratica e la formazione sono stati sviluppati per aiutare i partecipanti ad affrontare alcune di queste problematiche insieme ai ragazzi, fornendo loro alcuni strumenti per vivere una transizione il più possibile positiva”.

Maggiori informazioni sul progetto e sull’impegno di SOS Villaggi dei Bambini, Agevolando e tanti altri soggetti nei confronti dei care leavers le trovi cliccando qui.

NOTA: immagine presa dal profilo Facebook di SOS Villaggi dei Bambini – Italia