Un coro americano per il Villaggio SOS di Saronno

Un grande concerto per festeggiare il 25° compleanno del Villaggio SOS di Saronno e per sostenere il progetto “Un corridoio di pace”.

Domenica 1° luglio si è tenuto presso la chiesa dei SS. Pietro e Paolo a Saronno il concerto del coro Highland Park, composto da 110 cantanti, un Direttore e un organista solista. Nel pieno spirito dei cori di Chiesa americani, l’Highland Park United Methodist Church Chancel Choir rappresenta una vera e propria comunità prima che un gruppo di professionisti: donne e uomini devoti a Dio che circondano il pubblico con un grande abbraccio di voci e volti che hanno come scopo quello di dimostrare la propria gioia attraverso il canto. Dalla sua fondazione il coro ha viaggiato e tenuto concerti in tutta Europa, in Francia, Austria, Repubblica Ceca e Ungheria e dal 2015 è diretto dal Maestro Alan Raines.

L’emozionante concerto ha visto l’esecuzione di un repertorio che va dalla tradizione corale di Handel e Verdi, fino ai grandi classici americani della musica gospel. Ampia e generosa la risposta dei saronnesi, che hanno riempito la chiesa e espresso il loro apprezzamento con calorosi applausi e standing ovation finale.

Toccante l’omaggio a Maria Lattuada, fondatrice del Villaggio scomparsa pochi anni fa: un girasole, affiancato da un breviario e da un lumino, è rimasto per l’intera serata nel posto che Maria era solita occupare e, al termine del concerto, è stato donato al coro.

Il concerto, organizzato in collaborazione con l’Associazione SOS Villaggi dei Bambini – Italia, aveva come scopo la raccolta di fondi per il progetto “Un corridoio di pace”, che prevede il sostegno per l’accoglienza e l’integrazione sul territorio di una famiglia siriana arrivata in Italia a fine ottobre 2017 tramite i “corridoi umanitari” della Comunità di Sant’Egidio.