A Trento il primo festival dei care leavers

Venerdì 22 febbraio 2019 si è svolto presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento il primo Festival italiano dei Care Leavers. Protagonisti sono stati i care leavers (ragazzi/e cresciuti in comunità, affido o casa-famiglia) e professionisti del mondo dei servizi sociali.

Al festival hanno partecipato anche tre ragazzi accolti presso la nostra Casa dei Giovani, accompagnati da Maria, una delle loro educatrici.

Numerosi sono stati gli interventi che si sono susseguiti supportando l’obiettivo del festival. Protagonisti sono stati i Care Leavers che, insieme ai professionisti del mondo dei servizi sociali, si sono confrontati con l’obiettivo di ragionare sul tema della partecipazione dei ragazzi. Le riflessioni si sono concentrate su due argomenti: i contributi dei Care Leavers al lavoro sociale e alla formazione dei professionisti e i percorsi di attivazione “peer to peer” rivolti ai giovani in uscita dall’accoglienza in comunità o in affido.

Maria, educatrice: “Per me è stata una esperienza molto positiva in quanto credo sia importante promuovere dei percorsi di partecipazione con i ragazzi/e che al compimento dei 18 anni si trovano spesso costretti a dover diventare troppo grandi in fretta”.

N., giovane Care Leaver: “Il festival è stato molto interessante anche a livello emotivo perché è un progetto che servirà anche a me. Incontrando altri ragazzi ho capito il senso del progetto e proprio per questo voglio dare il mio aiuto”.

M., giovane Care Leaver: “È una cosa molto bella, poter parlare con un adulto e dire ciò che non va senza essere giudicato! Io ho sempre pensato che parlare non sarebbe servito a nulla. Il festival mi ha fatto ricredere … parlare serve”.